Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

CAZZO PIENO E SSACCOCCIA VOTA

Giuseppe Gioacchino Belli

Hai le paturne, eh Pimpa? Me dispiasce,
Perché ho da fatte una dimanna bbuffa:
Si mmai sciavessi con tu’ bbona pasce
’No scampoletto de patacca auffa.

Già lo sapevo: tu nun zei capasce
De fà ggnisun servizzio a cchi nun sbruffa.
E ïo dirò ccome che ddisse Arbasce:
Duncue, reggina, addio: tiecce la muffa.

Nun è vvero ch’io sii duro de reni:
Propio nun ciò un bajocco, da cristiano,
Pe ppoté ffatte l’accession de bbeni.

Ma ssenza la tu’ chiavica de Fiano,
Cuanno me sento li connotti pieni
Cqua cciò ddu’ freggne auffa, una pe mmano.

Roma, 26 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 2209 volte