Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’ABBICHINO DE LE DONNE

Giuseppe Gioacchino Belli

La donna, inizino ar venti, si è ccontenta
Mamma, l’anni che ttiè ssempre li canta:
Ne cressce uno oggni scinque inzino ar trenta,
Eppoi se ferma llí ssino a cquaranta.

Dar quarantuno impoi stenta e nnun stenta,
E ne disce antri dua sino ar cinquanta;
Ma allora che aruvina pe la sscenta,
Te la senti sartà ssubbito a ottanta.

Perché, ar cressce li fijji de li fijji,
Nun potenno èsse ppiú ddonna d’amore,
Vò ffigurà da donna de conzijji.

E allora er cardinale o er monziggnore,
Che jj’allissciava er pelo a li cunijji,
Comincia a rrescità da confessore.

Roma, 26 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 1166 volte