Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

COSE DA SANT’UFFIZZIO

Giuseppe Gioacchino Belli

Ssí, mme l’ha ddetto er confessore mio;
E un omo che nun crede ar confessore
Nun speri, cuanno more,
D’avé la grazzia der perdon de Ddio.

Si nun ce credi tu, cce credo io
Da bbon cristiano e indeggno peccatore:
E aringrazzio Ggesú dde tutto core
De nun avé la fede d’un giudio.

Ssí, mme l’ha ddetto er mi’ padre Curato
Com’e cquarmente sce sò ttante e ttanti
Che ffotteno cor diavolo incarnato.

E lleggenno le vite de li Santi,
Se trova chiaro ch’è dda sto peccato
Che ssò nnati in ner monno li Ggiganti.

Roma, 6 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 1232 volte