Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER BAMBINO DE LI FRATI

Giuseppe Gioacchino Belli

S’ha da lodà li frati perché ffanno
Cuer presepio che ppare un artarino.
Tu lo sai che ssò ffrati, e vvai scercanno
Si sta notte arimetteno er bambino!

Io voría che pparlassi cuer lettino,
Cuele stanzie terrene indove vanno;
E vvederessi, ventotto de vino,
Che lo vonno arimette tutto l’anno.

Ggià, cche spesce ha da fà cche cco la pacchia
Che ggodeno sti poveri torzoni,
Je se gonfi la groppa a la verdacchia?

Ortre c’ar rivedé li bbardelloni,
E a l’ingrufà ssi ccapita una racchia,
È un gran commido annà ssenza carzoni!

Roma, 27 dicembre 1832

Questa poesia è stata letta 584 volte