Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI MORTI ARISUSSCITATI

Giuseppe Gioacchino Belli

Fra ttutti li miracoli ppiú bbelli
Er mejjo è dder Beato Galantino,
Che ddiede er volo a uno spido d’uscelli
Bbell’e arrostiti ar foco der cammino.

Come vedde volà li su’ franguelli
Figurateve l’oste fiorentino!
Dicheno c’arrivò ppe rritenelli
Sino a offrí ar zanto un mezzo bbicchierino!

«Nun zerve che mme preghi e cche mme guardi»
Rispose er zanto: «io parlo verbus verbo.
P’ er vino, co li debbiti ariguardi,

Lo bbeverò ppe nnun paré ssuperbo:
Ma ppe l’uscelli, fijjo caro, è ttardi.
Vanno a Ssan Pietro, e ggià stanno a Vviterbo».

Roma, 9 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 341 volte