Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER DUELLO DE DÀVIDE

Giuseppe Gioacchino Belli

Cos’è er braccio de Ddio! mannà un fischietto
Contr’a cquer buggiarone de Golia,
Che ssi n’avessi avuto fantasia,
Lo poteva ammazzà ccor un fichetto!

Eppuro, accusí è. Ddio bbenedetto
Vorze mostrà ppe ttutta la Ggiudia
Che cchi è ddivoto de Ggesú e Mmaria
Pò stà ccor un gigante appett’appetto.

Ar vede un pastorello co la fionna,
Strillò Ggolia sartanno in piede: «Oh ccazzo!
Sta vorta, fijjo mio, l’hai fatta tonna».

Ma er fatto annò cch’er povero regazzo,
Grazzie all’anime sante e a la Madonna,
Lo fesce cascà ggiú ccome un pupazzo.

Roma, 9 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 1311 volte