Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA RILIGGIONE VERA

Giuseppe Gioacchino Belli

Cuante mai riliggione sce sò state
Da sí cche mmonno è mmonno, e cce ponn’èsse,
Cristiani mii, sò ttutte bbuggiarate
Da nun dajje un cuadrin de callalesse.

Tutte ste freggne, com’ha ddetto er frate,
S’annaveno a ffà fotte da se stesse,
Cuann’anche Iddio nu l’avessi fregate
Co ’na radisce che sse chiama Ajjesse.

Noi soli semo li credenti veri,
Perché ccredemo ar Papa, e ’r Papa poi
Sce spiega tutto chiaro in du’ misteri.

L’avvanti er Turco, l’avvanti er Giudio
Un’altra riliggione com’è nnoi,
Da potesse maggnà Ddomminiddio!

Roma, 12 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 434 volte