Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Morte scerta, ora incerta, anima mia.
La morte sa ttirà ccerte sassate
Capasce de sfasscià ll’invetrïate
Inzino ar Barbanera e ar Casamia.

Contro er Ziggnore nun ze trova spia;
Epperò, ggente, state preparate,
Pe vvia che Ccristo cuanno nun sputate
Viè ccome un ladro e vve se porta via.

Li santi, che ssò ssanti, a ste raggione
Je s’aggriccia la carne pe spavento,
E jje se fa la pelle de cappone.

Un terremoto, un lampo, un svenimento,
Un crapiccio der Papa, un cazzottone,
Pò mmannavve a ffà fotte in un momento.

Roma, 12 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 370 volte