Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER VENTRE DE VACCA

Giuseppe Gioacchino Belli

’Na setta de garganti che rrameggia
E vvò ttutto pe fforza e cco li stilli:
Un Papa maganzese che stangheggia,
Promettennosce tordi e cce dà ggrilli.

’N’armata de Todeschi che ttraccheggia
E cce vò un occhio a ccarzalli e vvestilli:
Un diluvio de frati che scorreggia
E intontissce er Ziggnore co li strilli.

Preti cocciuti ppiú dde tartaruche:
Edittoni da facce un focaraccio:
Spropositi ppiú ggrossi che ffiluche:

Li cuadrini serrati a ccatenaccio:
Furti, castell’in aria e ffanfaluche:
Eccheve a Rroma una commedia a bbraccio.

Roma, 13 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 424 volte