Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA MADRE DER BORZAROLETTO

Giuseppe Gioacchino Belli

Ih che ha rrubbato poi?! tre o cquattr’ombrelli,
Cuarc’orloggio, e cquer po’ de fazzoletti.
Pe cquesto s’ha dda fà ttutti sti ghetti
Com’avessi ammazzato er Reduscelli?!

Bbe’, è lladro; ma li ladri, poveretti,
Nun z’hanno da tiené ppiú ppe ffratelli?!
Si Cchecco è un lupo, indove sò l’aggnelli?
Nun c’è ch’er zolo Iddio senza difetti.

Tant’e ttanti, Eccellenza, a sto paese
Arrubbeno pe ccento de mi’ fijjo,
E ssò strissciati, e jje se fa le spese!...

Io sempre je l’ho ddato sto conzijjo:
«Checco, arrubba un mijjone; e ppe le cchiese
Sarai san Checco, e tt’arzeranno un gijjo».

Roma, 14 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 289 volte