Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ar monno s’ha da dí bbene de tutti,
Lodalli, e rricoprinne li difetti:
E nnò a mmezze parole e a ddenti stretti,
Ma a bbocc’uperta e pparoloni assciutti.

Cuanno se parla d’ommini frabbutti,
Bbisoggna sostené cche ssò angeletti:
Si un giorno, in paradiso, fra ll’eletti,
Volemo aritrovà bboni costrutti.

E nnun fà ccome Cchecca la Ghironna
Che ttajja a ccusce, e ttirerebbe ggiune
De la virginità dde la Madonna:

Mentre che ppoi laggiú a le Scinque-Lune
(Nun zii pe mmormorà) la bbona donna
Se fa ffotte dar popolo e ’r commune.

Roma, 14 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 1520 volte