Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

O llima, o rraspa, de sei anni o ssette
Santa Rosa era sciuca e annava a scola,
E ffascenno la cacca a la ssediola
Tirava ggiú mmiracoli a ccarrette.

Ecchete un temporale! Le saette
Fioccheno che cce vò la bbavarola:
Cuanto scrocchia, per dio, ’na castaggnola
Dove lei lavorava le solette.

Che ffa llei! stenne un braccio piano piano,
E, ccome fussi un tacco o uno spunterbo,
Striggne e tt’acchiappa la saetta in mano.

Si era un’antra, meritava er nerbo;
Ma llei co Ddio sciaveva er soprammano
Santa Rosa de Lima de Viterbo.

Roma, 15 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 366 volte