Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI BONI CONSIJI DE LA SERVETTA

Trilussa (Carlo Alberto Salustri)

Je vô bene... eh, lo so, signora mia,
ma per lo meno sarvi l'apparenza
e aggisca co' un tantino de prudenza
per impedì che faccino la spia.

Se vô l'appuntamento, je lo dia,
se vô scrive le lettere, pazzienza:
ma fasse vede assieme, è un'imprudenza!
La cammeretta ar Corso è ' na pazzia!

Qua, a casa sua, sarebbe un antr'affare:
se chiude drento e, senza dà' sospetto,
se pô fa' spupazzà quanto je pare.

In certi casi, la reputazzione
mica se perde quanno se va a letto:
se perde quanno s'entra in un portone.



Questa poesia è stata letta 875 volte