Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER ZAGRIFIZZIO D’ABBRAMO I

Giuseppe Gioacchino Belli

La Bbibbia, ch’è una spesce d’un’istoria,
Disce che ttra la prima e ssiconn’arca
Abbramo vorze fà dda bbon Patriarca
N’ojjocaustico a Ddio sur Montemoria.

Pijjò ddunque un zomaro de la Marca,
Che ssenza comprimenti e ssenza bboria
tava a ppassce er trifojjo e la scicoria
Davanti a ccasa sua come un monarca.

Poi chiamò Isacco, e ddisse: «Fa’ un fasscetto,
Pijja er marraccio, carca er zomarello,
Chiama er garzone, infílete er corpetto,

Saluta mamma, scercheme er cappello;
E annamo via, perché Ddio bbenedetto
Vò un zagrifizzio che nnun pòi sapello».

Roma, 16 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 1024 volte