Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER ZAGRIFIZZIO D’ABBRAMO II

Giuseppe Gioacchino Belli

Doppo fatta un boccon de colazzione
Partirno tutt’e cquattro a ggiorno chiaro,
E ccamminorno sempre in orazzione
Pe cquarche mmijjo ppiú dder centinaro.

«Semo arrivati: aló,» ddisse er vecchione,
«Incòllete er fasscetto, fijjo caro:»
Poi, vortannose in là, ffesce ar garzone:
«Aspettateme cqui vvoi cor zomaro».

Saliva Isacco, e ddisceva: «Papà,
Ma dditeme, la vittima indov’è?»
E llui j’arisponneva: «Un po’ ppiú in là».

Ma cquanno finarmente furno sú,
Strillò Abbramo ar fijjolo: «Isacco, a tté,
Faccia a tterra: la vittima sei tu».

Roma, 16 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 1109 volte