Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER ZAGRIFIZZIO D’ABBRAMO III

Giuseppe Gioacchino Belli

«Pascenza,» disse Isacco ar zu’ padraccio,
Se bbutta s’una pietra inginocchione,
E cquer boja de padre arza er marraccio
Tra ccap’ e ccollo ar povero cojjone.

«Fermete, Abbramo: nun calà cquer braccio,»
Strilla un Angiolo allora da un cantone:
«Dio te vorze provà cco sto setaccio...»
Bbee, bbee... Cchi è cquest’antro! è un pecorone.

Inzomma, amisci cari, io ggià ssò stracco
D’ariccontavve er fatto a la distesa.
La pecora morí: fu ssarvo Isacco:

E cquella pietra che mm’avete intesa
Mentovà ssur piú bbello de l’acciacco,
Sta a Rroma, in Borgo-novo, in d’una cchiesa.

Roma, 16 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 1048 volte