Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA VERGNA L’HA CCHI LA VÒ

Giuseppe Gioacchino Belli

La donna che nnun vò, vàttela a ffrega!
Mica er fregà ssò ffiaschi che ss’abbotteno.
Tutte le fiche ar monno che sse fotteno
S’hanno perché nnun c’è cchi tte le nega.

Le donne che nun vonno uprí bbottega
Sò sserpe, furie, arpíe, tizzi che scotteno:
Te sgraffieno la faccia, te scazzotteno...
Chi ttrova er buscio pe scopalle? Bbrega?

E Mmaria de le Grazzie? e la Madonna?
Sta in chiesa a Pport’Angelica er quadretto
Cor Pe¯-Ge¯-Re¯ che jj’attaccò una donna.

Lei sta ddipinta a ccossce larghe a lletto,
E un omo co una mano su la monna
Tiè cco ddu’ deta un ber garofoletto.

Roma, 16 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 1237 volte