Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Ch’edè er colore che sse vede addosso
A ste settanta sscimmie de sovrani?
Sí, ll’addimanno a vvoi: ch’edè cquer rosso?
Sangue de Cristo? Nò: dde li cristiani.

È er zangue de noi poveri Romani
Che jje curre a li piedi com’un fosso,
Cuanno sce danno in gola cor palosso
Come se fa a le pecore e a li cani.

Ner zangue de noi pecore sta a mmollo
Cuella porpora infame; e a nnoi sta sorte
Tocca, per dio, da presentajje er collo.

Epperò le patente de sta Corte
Sò ttutte in carta-pecora e ccor bollo:
Che pprima bbolla, e ppoi condanna a mmorte.

Roma, 17 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 322 volte