Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

CHI HA FFATTO HA FFATTO

Giuseppe Gioacchino Belli

Non piussurtra, Anna mia: semo a lo scorto:
È spiovuto er diluvio de confetti.
Ecco li schertri a ddà a li moccoletti
L’urtimo soffio. Er carnovale è mmorto.

Già ssona er campanon de lo sconforto,
E ggià st’acciaccatelli pasticcetti
Vanno a ccasa a ordinà li bbrodi stretti
D’orzo, ranocchie e ccicorietta d’orto.

E ccurri, e bballa, e bbeve, e ffotte, e bbascia!
Ggià ssò ttutti scottati: ma stasera
Da la padella cascheno a la bbrascia.

Domani è la manguardia de le messe
Co la pianeta pavonazza e nnera,
Domani ar Mementò-cchià-ppurvissesse.

Roma, 17 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 609 volte