Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Va bbè dde lamentasse co rraggione,
Ma cchi sse laggna a ttorto è un cazzo-matto.
Er monno è una trippetta, e ll’omo è un gatto
Che jje tocca aspettà lla su’ porzione.

Tutto cuer che cc’è ar monno, chi l’ha ffatto?
Ggesucristo: lo sa ppuro un cojjone.
Ggesucristo però dduncue è ’r padrone
D’empicce a ttutti o rripulicce er piatto.

Ma Ggesucristo, sor cazzaccio mio,
Lo sapete chi è llui? è, ssora sferra,
La terza parte de domminiddio.

Duncue nun serve a ffà ttante parole:
Si er Zanto-padre è un Gesucristo in terra,
È ttutto suo pe cquanto vede er zole.

Roma, 17 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 876 volte