Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Che angeli che ssò! cche pputtanelle!
Uh bbenemío che bbrodo de pollanche!
Je metterebbe addosso un par de bbranche
Da nun fajje restà mmanco la pelle.

A vedelle arimòvese, a vvedelle
Co cquelli belli trilli de le scianche
Tremajje in petto du’ zinnette bbianche
Come ggiuncate drento a le froscelle!

Che mmodo de guardà! cche occhiate ladre!
Mó vvedo c’ha rraggione er prelatino
Che ha mmannato a ffà fotte er Zanto Padre;

E bbuttanno la scorza e ’r collarino,
D’accordo co la fijja e cco la madre
Cià ffatto er madrimonio gran-destino.

Roma, 20 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 272 volte