Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Inzomma, cazzo, se pò avé sto bbascio?
Se pò ttastà un tantino er pettabbotto?
Ma nnun avé ppavura, che ffo adascio:
Cuanto che ssento che cce tienghi sotto.

Ciai scrupolo? e dde cosa? E cche! tte fotto?!
Semo parenti? Sí, ppe vvia der cascio:
Cuggini de cuggini: cascio cotto:
Parenti come Ggnacchera e ssan Biascio.

Parenti, ggià! cche scrupoli der tarlo!
Per un bascio co mmé ttanta cusscenza,
Eppoi te fai fischià ddar Padre Carlo.

Ma cche ccredi? che Ccristo abbi pascenza
D’abbadà ssi tte bbascio, o ssi tte parlo?
A ste cojjonerie manco sce penza.

Roma, 22 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 475 volte