Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Cuelli morti che ssò dde mezza tacca
Fra ttanta ggente che sse va a ffà fotte,
Vanno de ggiorno, cantanno a la stracca,
Verzo la bbúscia che sse l’ha dda iggnotte.

Cuell’antri, in cammio, c’hanno la patacca
De siggnori e dde fijji de miggnotte,
Sò ppiú cciovili, e ttiengheno la cacca
De fuggí er zole, e dde viaggià dde notte.

Cc’è ppoi ’na terza sorte de figura,
’N’antra spesce de morti, che ccammina
Senza moccoli e ccassa in zepportura.

Cuesti semo noantri, Crementina,
Che ccottivati a ppessce de frittura,
Sce bbutteno a la mucchia de matina.

Roma, 23 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 836 volte