Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA RISURREZZION DE LA CARNE

Giuseppe Gioacchino Belli

Smorzato er zole e sfracassato er monno,
Tutte le ggente che la terra ha ffatte
Anneranno a la Val de Ggiosaffatte,
Dove sce pponno entrà cquanti che vvonno.

Tra er padre, er fijjo, er nonno e lo sbinnonno,
Vecchi bbavosi e ccrature de latte,
Ommini de ggiudizzio e tteste matte,
Nun ce sarà nné pprimo né ssiconno.

Llà ttutti-cuanti iggnudi e ssenza panni
Rinassceremo come Adamo ed Eva,
E averemo d’avé ttrentatré anni.

Chi mmorze de ppiú età jje se ne leva:
Li piccinini se sò ffatti granni:
Duncue oggnuno averà cquello c’aveva.

Roma, 25 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 356 volte