Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Cristiani indilettissimi, l’inferno
È una locanna senza letto e ccoco,
Ch’er bon Iddio la frabbicò abbeterno
Perché sse popolassi appoco appoco.

Cuanti Santi, in inzoggno, la vederno,
Dicheno che ssibbè ppiena de foco,
Nun c’è un’ombra de lusce in gnisun loco,
E cce se trema ppiú cche ffussi inverno.

Sur porton de sta casa de li guai
Sce sta a llettre da cuppola un avviso,
Che ffora disce sempre, e ddrento mai.

Ggesú mmio bbattezzato e ccirconciso,
Arberghesce li turchi e bbadanai,
E a nnoi dàcce l’alloggio in paradiso.

Roma, 29 gennaio 1833

Questa poesia è stata letta 1136 volte