Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Senti st’antra. A Ssan Pietro e Mmarcellino
Sce stanno scerte moniche bbefane,
C’aveveno pe vvoto er contentino
De maggnà ttutto-cuanto co le mane.

Vedi si una forchetta e un cucchiarino,
Si un cortelluccio pe ttajjacce er pane,
Abbi da offenne Iddio! N’antro tantino
Leccaveno cor muso com’er cane!

Pio Ottavo però, bbona-momoria,
Che vvedde una matina cuer porcaro,
Je disse: «Madre, e cche vvò ddí sta storia?

Sete state avvezzate ar monnezzaro?!
Che vvoto! un cazzo. A ddio pò ddàsse groria
Puro co la forchetta e ccor cucchiaro».

Roma, 2 febbraio 1833

Questa poesia è stata letta 442 volte