Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Sta vecchiaccia cqua in faccia è er mi’ spavento:
Nun fa antro che incanti e inciarmature,
Futtucchierie, stregonerie, fatture,
Sortileggi e mmaggie, oggni momento.

Smove li fattijjoli a le crature,
E oggni notte, sopr’acqua e ssopr’a vvento
Er demonio la porta a Bbenevento
Sotto la nosce de le gran pavure.

Llí cco le streghe straformate in mostri
Bballa er fannango, e jje fanno l’orchestra
Li diavoli vestiti da Cajjostri.

Tutte le sere, ïo e lla maestra,
Ar meno pe ssarvà lli fijji nostri,
Je mettémo la scopa a la finestra.

Roma, 3 febbraio 1833

Questa poesia è stata letta 437 volte