Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’ARCA DE NOVÈ

Giuseppe Gioacchino Belli

Liofanti, purce, vaccine, leoni,
Pecore, lupi, lepri, cani, uscelli,
Mosche, vorpe, galline, orzi, stalloni,
Sorci, gatti, majali e ssomarelli.

Cascio, carnaccia, scorze de meloni,
Granturco, conciatura, osse, tritelli,
Trifojjo, canipuccia, bbeveroni,
E ffieno, e ccore-pisto e vvermiscelli.

Tutte ste cose, e ttant’artre nun dette,
Messe inzieme Novè ddrento in nell’Arca
Che la mano de Ddio doppo chiudette.

Un anno e ppassa galleggiò lla bbarca!
E ffra cquer guazzabbujjo come annette?
Dimannàtelo, ggente, ar bon Patriarca.

Roma, 4 febbraio 1833

Questa poesia è stata letta 1289 volte