Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Una ggiornata come stammatina,
Senti, è un gran pezzo che nnun z’è ppiú ddata.
Ah bbene mio! te senti arifiatata:
Te s’opre er core a nnun stà ppiú in cantina!

Tutta la vorta der celo turchina:
L’aria odora che ppare imbarzimata:
Che ddilizzia! che bbella matinata!
Propio te disce: cammina cammina.

N’avem’avute de ggiornate tetre,
Ma oggi se pò ddí una primavera.
Varda che ssole va’: spacca le pietre.

Ammalappena c’ho ccacciato er viso
Da la finestra, ho ffatto stammatina:
Hâh! cche ttempo! è un cristallo; è un paradiso.

Roma, 6 febbraio 1833

Questa poesia è stata letta 443 volte