Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

La mammana protenne che la pupa
Me sta ssempre accusí strana e ffurastica,
Perché la zinna mia è ttroppa cupa,
E ’r mi’ calo è una spesce de scolastica.

Cuant’ar tiro, eh cche vvòi! pare una lupa:
S’attacca ar caporello, e mme lo mastica,
E jje dà nnotte e ggiorno, e mme lo ssciupa,
Che mme scià ffatto ggià ppiú d’una crastica.

Oh vvadino mó a ddí: Cchi ha mmojje ha dojje!
Nun zo ssi cce pozz’èsse paragone
Si ppeni piú er marito che la mojje.

Vienghino cqui a ssentí er farzo-sbordone
Ch’io canto cuanno er petto me s’accojje,
E ddíchino chi ha ttorto e cchi ha rraggione.

Roma, 11 febbraio 1833

Questa poesia è stata letta 1228 volte