Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LI FRATELLI DE LA SORELLA

Giuseppe Gioacchino Belli

De li fratelli bboni è vvero, Teta,
Che ssi ne trovi dua sò ccasi rari;
Ma li mii! li mii poi sò ppropio cari
Com’e ddu’ catenacci de segreta.

Storti, scontenti, menacciuti, avari:
Tutto li fa strillà, ttutto l’inquieta...
E ttu mme dichi: «Sei ’n’accia de seta!»
Vatte a ingrassà cco sti bbocconi amari.

Cualunque sciafrería porteno addosso
Tutto ha da usscí dda ste povere mane:
E Iddio ne guardi si jje chiedo un grosso.

Io ’r cammino, io la scopa, io le funtane...
Cuann’è la sera nun ciò ssano un osso!
Inzomma, via, sce schiatterebbe un cane.

Roma, 15 febbraio 1833

Questa poesia è stata letta 360 volte