Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

L’ANGELI RIBBELLI L’ISTESSO II

Giuseppe Gioacchino Belli

Letto l’editto, oggn’angelo ribbelle
Vorze caccià lo stocco, e ffasse avanti;
Ma Ssan Micchele buttò vvia li guanti,
E ccominciò a sparà le zzaganelle.

L’angeli allora, coll’ale de pelle,
Corna, uggne e ccode, tra bbiastime e ppianti,
Tommolorno in ner mare tutti-cuanti,
Che li schizzi arrivaveno a le stelle.

Cento secoli sani sce metterno
In cuer gran capitommolo e bbottaccio
Dar paradiso in giú ssino a l’inferno.

Cacciati li demoni, stese un braccio
Longo tremila mijja er Padr’Eterno,
E sserrò er paradiso a ccatenaccio.v

Roma, 16 febbraio 1833

Questa poesia è stata letta 937 volte