Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Fu er presidente de la Lega mia,
ch'era avvocato de li scioperanti,
fu propio lui che disse: — Avanti! Avanti!

Scendemo in piazza! Evviva l'anarchia! —
A 'ste parole qui, per quanto sia,
ce s'infocò la testa a tutti quanti:
ma sur più bello ce sbucò davanti
uno squadrone de cavalleria.

Se la sommossa rivoluzzionaria
quer giorno nun pijò 'na brutta piega
fu per via che sparaveno per aria;

ma per un pelo un córpo de moschetto
ciammazza er presidente de la Lega
che s'era riparato in cima a un tetto!



Questa poesia è stata letta 1138 volte