Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Fa’... che ggusto!... spi... Zzitto! ecco er cannone!
Abbasta, abbasta, sú, ccaccia l’uscello.
Nu lo senti ch’edè? spara Castello:
Seggno ch’er Papa sta ssopra ar loggione.

Mettémesce un’e ll’antro in ginocchione:
Per oggi contentàmesce, fratello.
Un po’ ar corpo e un po’ all’anima: bberbello:
Pijjamo adesso la bbonidizzione.

Quanno ch’er Zanto-Padre arza la mano,
Pòi in articolo-morte fà li conti
A ggruggn’a ggruggno coll’inferno sano.

E nnun guasta che nnoi semo a li Monti,
E ’r Papa sta a Ssan Pietr’ in Vaticano:
Oggi er croscione suo passa li ponti.

Roma, 4 aprile 1833

Questa poesia è stata letta 786 volte