Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER GIRO DE LE PIZZICARIE

Giuseppe Gioacchino Belli

De le pizzicarie che ttutte fanno
La su’ gran mostra pe Ppascua dell’Ova,
Cuella de Bbiascio a la Ritonna è st’anno
La ppiú mmejjo de Roma che sse trova.

Colonne de casciotte, che ssaranno
Scento a ddí ppoco, arreggeno un’arcova
Ricamata a ssarsicce, e llí cce stanno
Tanti animali d’una forma nova.

Fra ll’antri, in arto, sc’è un Mosè de strutto,
Cor bastone per aria com’ un sbirro,
In cima a una montaggna de presciutto;

E ssott’a llui, pe stuzzicà la fame,
Sc’ è un Cristo e una Madonna de bbutirro
Drent’ a una bbella grotta de salame.

Roma, 5 aprile 1833

Questa poesia è stata letta 348 volte