Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Fijjo, nun ribbartà mmai tata tua:
Abbada a tté, nnun te fà mmette sotto.
Si cquarchiduno te viè a ddà un cazzotto,
Lí ccallo callo tu ddàjjene dua.

Si ppoi quarcantro porcaccio da ua
Te sce fascessi un po’ de predicotto,
Dijje: «De ste raggione io me ne fotto:
Iggnuno penzi a li fattacci sua».

Quanno ggiuchi un bucale a mmora, o a bboccia,
Bbevi fijjo; e a sta ggente bbuggiarona
Nu ggnene fà rrestà mmanco una goccia.

D’èsse cristiano è ppuro cosa bbona:
Pe cquesto hai dai portà ssempre in zaccoccia
Er cortello arrotato e la corona.

Roma, 14 settembre 1830

Questa poesia è stata letta 1289 volte