Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Oh tteste, vere teste da testiera!
Tante sciarle pe ddí ccome se more!
Du’ ffrebbettacce, a vvoi, quarche ddolore,
’Na stirata de scianche, e bbona sera.

Da sí cc’ oggni cazzaccio fa er dottore,
E sputa in càtreda, e armanacca, e spera
De pesà ll’ aria drento a la stadera,
Se n’hanno da sentí dd’oggni colore.

Perché ll’occhio d’un morto nun ce vede?
Perché cquanno che ll’ anima va in strutto,
Nun lassa ar posto suo ggnisun erede.

E mmentr’er corpo spiggionato e bbrutto
È ssord’ e mmuto e nnun z’arregge in piede,
Lei cammina da sé, pparla, e ffa ttutto.

Roma, 11 maggio 1833

Questa poesia è stata letta 1184 volte