Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Oh, ddunque, a rivedendosce, sor Nino:
Un zaluto a la sora Ggiosuarda.
Nun bevo, grazzie; ’ggna c’arzi la farda...
Cojjoni! è mmezzoggiorno: antro che vvino!

Ciò stammatina un frate galoppino
Che cquanno che mm’appoggia la libbarda,
Vò ppranzà ar tocco in punto; e ssi sse tarda
Un ette, va in decrivio oggni tantino.

Cosa volete! è confessor de Rosa,
E nn’ha in corpo una bbona fattarella.
Cacciallo! parería ’na scerta cosa!...

Lui viè a rrifuscilasse le bbudella
’Ggni dimenica: e ddoppo, io co la sposa
L’ariporto ar convento in carrettella.

Roma, 12 maggio 1833

Questa poesia è stata letta 1165 volte