Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA NOTTE DELL’ASSCENZIONE

Giuseppe Gioacchino Belli

Domani è ll’Asscenzione: ebbè, sta notte
Nostro Siggnore, pe bbontà ddivina
Se ne ssceggne dar celo a la sordina,
Mentre che ll’univerzo o ddorme, o ffotte;

E vva ppe ttutte le maése rotte,
Discenno ar grano: «Aló, ppassa e ccammina:
L’acqua diventi latte, eppoi farina,
Pe ddiventà ppoi pasta, e ppoi paggnotte».

Ecco a li bbagarozzi la raggione
Che jj’ accennémo addosso li scerini,
Cantanno er Curri curri bbagarone.

Ecco perché sse mette li lumini
A le finestre de le ggente bbone:
Perché Ccristo nun batti a li cammini.

Roma, 15 maggio 1833

Questa poesia è stata letta 948 volte