Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER PECCATO ORIGGINALE

Giuseppe Gioacchino Belli

Arrivato a l’età dde la raggione
Ggesucristo entrò a sguazzo in ner Giordano,
E sse fesce cristiano, fedelone,
Cattolico, apostolico, romano.

Poi se n’annò ccor croscifisso in mano
Predicanno a ’ggni sorte de perzone
Che cchi nnun z’è ssciacquato er coccialone
Vederà er paradiso da lontano.

L’unica fu la Vergine Mmaria
Che sse sarvò ssenz’ èsse bbattezzata,
Perché, a cquanto se sa, mmorze ggiudia.

la cosa è bbenisimo aggiustata.
Nun aveva bbisogno de lesscía
Chi nnascé ccome un panno de bbucata.

27 maggio 1833

Questa poesia è stata letta 501 volte