Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

LA PRIMA CUMMUGGNONE

Giuseppe Gioacchino Belli

Terminata che ffu ll’urtima scena,
Cristo diede de piccio a una paggnotta,
La conzagrò, la róppe, e, appena rotta,
Cummunicò un e ll’antro a ppanza piena.

E ss’ha da dí cche ppropio stassi in vena,
Pe ddà la su’ fettina a cquer marmotta
De Ggiuda (vojjo dí Ggiuda Scariotta),
Che annò a ffà cquer tantin de cannofiena.

Poi lui puro, viscino a la passione,
Pe mmorí cco li santi sagramenti,
Se maggnò da sestesso in cummuggnone.

S’intenne ggià cco ttutti l’ingredienti;
Ciovè ddoppo una bbona confessione,
Pe rregola dell’antri pinitenti.

27 maggio 1833

Questa poesia è stata letta 286 volte