Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER GIUDIZZIO IN PARTICOLARE

Giuseppe Gioacchino Belli

Mentre in ne l’angonía tira er fiatone,
Se vede er peccatore accant’ ar letto
Er diavolo a mman dritta co un libbrone,
E ll’angiolo a mman manca co un libbretto.

Nell’uno e ll’ antro sta ttutto er guazzetto
De le cose cattive e dde le bbone
C’abbi fatto in zu’ vita er poveretto:
Penzieri, parole, opere e omissione.

Lui se voría scusà, mma Iddio nun usa
De sentí le raggione de chi mmore,
E lo manna a l’inferno a bbocca chiusa.

Cusí in terra er Vicario der Ziggnore
Fa cco li vivi; e nnun intenne scusa
Da ggnisuno, ossii ggiusto o ppeccatore.

29 maggio 1833

Questa poesia è stata letta 373 volte