Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

ER MADRIMONIO SCONGRUSO

Giuseppe Gioacchino Belli

Ggnente: nun c’è ppietà: nnun m’arimovo.
Io pe la tiggna, bbella mia, sò ll’asso.
Ho ppiú ttostezza io mó cco llei, che un zasso
Che ffascessi a scoccetto cor un ovo.

Pe nnun guardalla mai quanno la trovo,
Vado tutto intisito e a ggruggno bbasso,
Come un pivetto che la festa a spasso
Sa d’avé addosso er vistituccio novo.

Lei m’aveva da fà mmeno dispetti:
M’aveva da tiené mmejjo da conto,
E ffàsse passà vvia tanti grilletti.

Io sposalla? è impossibbile: nun smonto.
Sc’è ttropp’ onore tra li mi’ parenti
Perch’io vojji pe llei fàjje st’affronto.

29 maggio 1833

Questa poesia è stata letta 419 volte