Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Vedi mai nove o ddiesci cor palosso
Attorno a un ber cocommero de tasta,
Che inzinamente che cce sii rimasta
’Na fetta da spartí, ttajja ch’è rrosso?

Accusí er monno: è ttanto granne e ggrosso,
E a nnove o ddiesci Re mmanco j’ abbasta.
Oggnuno vò er zu’ spicchio, e ppoi contrasta
Lo spicchio der compagno e jje dà addosso.

E llèvete li scrupoli dar naso
Che nnoi c’entramo per un cazzo: noi
Semo monnezza che nnasscémo a ccaso.

Ar piuppiú ciacconcedeno er ristoro
De quarche sseme che jje casca, eppoi
N’arivonno la mmànnola pe llòro.

10 settembre 1833

Questa poesia è stata letta 547 volte