Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Sto prelato a la fijja der zartore,
Che cciannava a stirajje li rocchetti,
Je fesce vede drent’a un tiratore
Una sciòtola piena de papetti,

Discennoje: «Si vvòi che tte lo metti,
Sò ttutti tui e tte li do dde core».
E llei fesce bbocchino e ddu’ ghiggnetti,
Eppoi s’arzò er guarnello a mmonziggnore.

Terminato l’affare, er zemprisciano,
Pe ppagajje er noleggio de la sporta,
Pijjò un papetto e jje lo messe in mano.

Disce: «Uno solo?! e cche vvor dí sta torta?
Ereno tutti mii!...» — «Fijjola, piano,»
Disce, «sò ttutti tui, uno pe vvorta.»

16 ottobre 1833

Questa poesia è stata letta 415 volte