Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

A Ssaspírito in Zassi, in d’un boccione
Pien d’acquavita de le sette peste,
Sc’è a mmollo una cratura co ddu’ teste,
Come che ll’arma der ministro Appone.

Er cerusico nostro de l’urione,
Che ste fotte le spiega leste leste,
M’ha ddetto ch’è un buscèfolo, e cche cqueste
Sò ccose che cce vò la spiegazzione.

Abbasta, dico, o ssii scefolo o ttonno
Vojjo vede ar giudizzi’ univerzale
Co cquanti nasi ha da rinassce ar monno.

Si n’ariporta dua, bber capitale
Da paradiso! e ssi uno, er ziconno,
Dico, indove arimane, a lo spedale?

17 ottobre 1833

Questa poesia è stata letta 1066 volte