Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

SETTIMO SEPPELLÍ LI MORTI

Giuseppe Gioacchino Belli

Bbast’a vvede sto bboja de Curato
Si ccome seppellí Bbonaventura!
Che ffussi puro stato scopatura,
L’averebbe ppiú mmejjo bben trattato.

Ma cquanno che ccrep’io, per dio sagrato,
Vojjo fà stenne una bbrava scrittura
Che bbuttannome drento in zepportura
Me sce mettino bbello arissettato.

Bbisogn’ èsse ggiudii pe nnun capilla
Che ffa ppiú ccosa er zeppellicce bbene
Che de cantacce in culo una diasilla.

Perch’io sentivo dí ssempre da nonno
Che ll’anima arimane in de le pene
Come ch’er corpo suo casca a sto monno.

19 ottobre 1833

Questa poesia è stata letta 731 volte