Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Er zanto madrimonio? er pijjà mmojje?
Accidentacci a cchi ne disce bbene.
Ar ripenzà ar passato, me s’accojje
La massima der zangue in de le vene.

È mmeno male de passà in catene
Mill’anni, senza mai potesse ssciojje:
È mmejjo a vvive drent’a un mar de dojje
Tutto pien de bbubboni e ccancherene.

Li crapicci, li ghetti, li scompijji...
Ma, ssenza che tte sfili la corona,
Bbasta er mal de le corna e dde li fijji.

Eppoi, fussi la mojje cosa bbona,
Ciaverebbe pe ssé mmesso l’artijji
Sta razzaccia de preti bbuggiarona.

20 ottobre 1833

Questa poesia è stata letta 360 volte