Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

Dichi quer che jje pare chi ggoverna,
A mmé mme piasce de fregà, ccompare;
E le puttane me sò ttante care,
Che le vado a scavà cco la lenterna.

Nun fregheno l’uscelli all’ari’esterna?
Nun fregheno li pessci in fonn’ar mare?
Dunque io vojjo fregà cquanto me pare,
E ffregamme si mmai la vit’eterna.

Mentre ch’Iddio m’ha ddato sto negozzio,
È sseggno che jj’aggarba in concrusione
Ch’io lo maneggi e nnun lo tienghi in ozzio.

Ma ssii peccato: ebbè? ssò ssempre leste
‘Na bbona confessione e ccummuggnone
Pe ffà ppasce co Ddio tutte le feste.

20 ottobre 1833

Questa poesia è stata letta 350 volte