Sonetti Romaneschi
Da cristiano! Si mmoro e ppo’ arinasco, Pregh’Iddio d’arinassce a Rroma mia. (G. Belli)

’Ggni prete, predicanno pe le cchiese,
Disce: «Chi bbene fa, bbene aritrova».
Sí, ssur cazzo, io risponno. A sto paese
Mó ss’ è inventata una ggiustizzia nova.

Ste meravijje se saranno intese
Quann’era er gallo che ffetava l’ova.
Ma dda sí cch’ er Governo è un Maganzese,
Si mmiracoli fai manco te ggiova.

Specchiateve in Antonio. Stammatina,
Perché ammazzò la mojje
(che arfin’ era Carne sua)
nun è annato in quajjottina?

Ecchelo er ber compenzo, e in che mmaggnera
S’è ppremiato er cristiano che pper dina
Portò ar piede der Papa una bbanniera!

28 ottobre 1833

Questa poesia è stata letta 1108 volte